Opinioni su ControCorrente di Ibl Banca: quanto costa davvero?

Il finanziamento Rata Bassotta ha dato una storica visibilità ad Ibl Banca, che viene spesso associata in maniera quasi esclusiva proprio a questo prodotto di punta. Tuttavia parliamo di una banca a tutto tondo che offre quindi tutta una serie di prodotti bancari, tra cui conti correnti, conti deposito o formule similari.

logo del conto con un delfino che nuota controcorrente

Concentriamoci in particolare sul nuovo conto corrente, con un occhio anche alla soluzione ‘vincolata’ per aumentare la remunerazione delle giacenze.

Principali caratteristiche di ‘ControCorrente’

Il conto corrente si chiama ControCorrente. La scelta di questo nome è legata al fatto che ci troviamo davanti ad un conto che punta alla remunerazione delle giacenze, una formula che la maggioranza della banche ha abbandonato già da qualche anno.

Più precisamente la banca romana ha impostato la propria proposta su ‘interessi attivi sempre garantiti’, ovvero le giacenze sul conto corrente sono remunerate usando il criterio del calcolo della giacenza media annua.

Per la gestione di ControCorrente non si deve andare per forza in filiale. Nel conto Ibl è infatti integrato sia l’home banking che la gestione in mobilità grazie all’app. Tra i servizi integrabili troviamo in più anche il Time deposit che permette di ottenere tassi di interesse più alti.

Costi

Fin qui abbiamo visto la particolarità di ControCorrente, ora concentriamoci sulle caratteristiche e sui costi.

In primis si tratta di un conto corrente a canone, che tuttavia non comprende tutte le operazioni effettuabili (alcune sono a consumo). Per offrire una certa flessibilità nella gestione, senza allontanarsi troppo dai costi, è stata comunque fatta la scelta del conto a modulo o modulare, per cui per avere più servizi si paga un canone un po’ più alto, mentre per coloro che fanno un uso più light del c/c il costo mensile si abbassa (scegliendo appunto moduli più leggeri). In più si applica la formula del canone azzerabile, opzione che è accessibile tramite la sottoscrizione di altri prodotti Ibl banca.

(Fonte: sito ufficiale Ibl – Data: 13 ottobre 2021)

I moduli disponibili

A ottobre 2021 si può scegliere tra 4 moduli disponibili, che prevedono anche dei criteri differenti di scontistica per l’azzeramento del canone. Vediamoli assieme (Fonte: sito ufficiale Ibl – Data: 13 ottobre 2021).

Pacchetto Semplice

Questo modulo è pensato come un conto light, per cui prevede un costo minimo, pari a 1 euro mensile. Ovviamente lo sconto massimo che si può ottenere è pari ad 1 euro e si ottiene con una giacenza media mensile di 5 mila euro oppure con l’attivazione di un vincolo sul conto. Questo modulo comprende anche il costo di una carta di debito nazionale.

Approfondimento: Conto corrente zero spese

Pacchetto Particolare

Il costo sale a 3 euro mensili. Per questa soluzione lo sconto massimo applicabile è di 2 euro e si ottiene attivando due servizi o prodotti che rientrano tra:

  • raggiungimento di una giacenza media mensile maggiore a 5 mila euro;
  • attivazione di un vincolo sul conto;
  • accredito dello stipendio o della pensione di importo non inferiore a 800 euro al mese;
  • una giacenza media mensile di almeno 50 mila euro.

N.B. Ogni opzione tra quelle menzionate prevede 1 euro di sconto, ma anche sottoscrivendole tutte lo sconto massimo sarà di 2 euro, mentre avendone solo una lo sconto sarà di 1 euro solamente. Si ha anche il rilascio di una carta di debito nazionale e di una carta prepagata Ibl compresi nel costo del canone.

Pacchetto Originale

In questo caso si sale ad un costo mensile di 5 euro, per il quale lo sconto massimo può arrivare fino a 3 euro. Per ottenerlo bisogna raggiungere almeno tre tra le seguenti condizioni e/o prodotti:

  • una giacenza media mensile superiore a 5 mila euro oppure l’attivazione di un vincolo sul conto;
  • l’accredito dello stipendio o pensione di importo pari o maggiore a 800 euro;
  • una giacenza media mensile di almeno 50 mila euro;
  • l’acquisto o sottoscrizione di altri prodotti (come cessione del quinto o delega di pagamento, l’anticipo Tfs, un prestito personale e la polizza assicurativa Net Insurrance).

Compresi nel conto ci sono una carta di debito nazionale, una carta di debito internazionale ed una carta prepagata.

Pacchetto Straordinario

E’ il modulo con costo maggiore, che sale a 7 euro al mese, con uno sconto massimo ottenibile di 4 euro. Le opzioni o condizioni per ottenere lo sconto salgono a 4 e sono le stesse previste per il modulo 3 (Pacchetto Originale). Compresi nel canone troviamo una carta di debito nazionale, una carta di debito internazionale, una carta prepagata e una carta di credito a condizioni riservate (questa solo su richiesta).

N.B. I costi non compresi nel canone dipendono ovviamente dal pacchetto scelto. Per esempio per i bonifici abbiamo un costo nel pacchetto Semplice: il primo bonifico al mese è gratis e poi si applica un costo di 40 centesimi. Stesso costo per il Pacchetto Particolare ma che porta la gratuità ai primi 3 bonifici in un mese. Per i Pacchetti Originale e Straordinario invece i bonifici sono compresi nel canone senza limite di numero mensile.

(Fonte: sito ufficiale Ibl – Data: 13 ottobre 2021)

Remunerazione

Sul tasso di interesse attivo la scelta del modulo non produce vantaggi, visto che il tasso sarà sempre lo stesso, con variazioni solo in funzione delle giacenze medie mensili, ovvero:

  • 0,10% per le giacenze fino a 9999 euro;
  • 0,20% per le giacenze fino a 19.999 euro;
  • 0,30% per le giacenze oltre 20 mila euro.
(Fonte: sito ufficiale Ibl – Data: 13 ottobre 2021)

Le carte di pagamento

esempi di carte di debito ibl

I pacchetti, come detto, possono comprendere differenti carte di pagamento che sono: la carta di debito nazionale (circuiti Pagobancomat e Bancomat), la carta di debito internazionale (oltre ai circuiti domestici anche Cirrus Maestro) e la carta prepagata MasterCard.

Nonostante siano tutte carte che funzionano a debito, ci sono delle differenze non trascurabili, soprattutto se si confronta quella di debito nazionale con quella internazionale, in quanto solo quest’ultima offre anche i seguenti vantaggi:

Un discorso a parte va fatto per la carta prepagata che è una Nexi Prepaid dotata di un plafond di 12.500 euro. Questa non prevede commissioni per il rilascio per i correntisti Ibl laddove risulti compresa nel pacchetto (al momento rimane escluso solo il modulo semplice). Per le carte di debito i prelievi sono compresi nel modulo mentre per la prepagata si applicano commissioni a cui si aggiungono anche i costi di ricarica.

Per chi vuole la carta di credito (Classica o Prestige) deve per forza andare sul pacchetto Straordinario. Anche in questo caso parliamo di una carta Nexi.

(Fonte: sito ufficiale Ibl – Data: 13 ottobre 2021)

Remunerazione con il Conto Vincolato

IBl Banca sul ControCorrente prevede la possibilità di vincolare delle somme senza aprire un conto deposito indipendente. Anche in questo caso per la gestione non ci si dovrà riferire ad una filiale. Basterà infatti accedere alle funzioni via app o da internet banking. I limiti da considerare sono pochi:

  • importo minimo da vincolare: 5 mila euro;
  • importo massimo: 1 milione di euro;
  • aumenti pari a tranche di 250 euro (quindi 5250, poi 5500 euro e così via);
  • scelta della durata del vincolo tra : 3 mesi, 6 mesi, 12 mesi, 18 mesi, 24 mesi, 36 mesi.
  • (Fonte: sito ufficiale Ibl – Data: 13 ottobre 2021)