Carte di Debito

E’ uno strumento di pagamento solitamente rilasciato dalle banche al momento dell’apertura di un conto corrente, o in una fase successiva, che consente al titolare di effettuare acquisti nei negozi convenzionati, online, e di prelevare contante presso gli ATM. Il termine “debito” è utilizzato per indicare la modalità di accredito immediato (o al massimo posticipato di poche ore) delle somme spese sul conto corrente.

Come funziona?

Inizialmente, queste carte erano state ideate per consentire al titolare il solo prelievo di liquidità agli sportelli automatici, al fine di ridurre i lunghi tempi di attesa degli utenti agli sportelli bancari. Successivamente, grazie alla loro larga diffusione, gli emittenti hanno scelto di aumentare il ventaglio di servizi disponibili: oggi, ad esempio, è possibile anche effettuare ricariche telefoniche online.

Carattere essenziale delle carte di debito è che tutte le cifre prelevate e/o spese sono immediatamente addebitate sul conto collegato.

Carta di Debito MasterCard o Visa?

Questo strumento è collegato ad un circuito di pagamento: con tale termine si identifica il nome della società che effettivamente è impegnata a gestire il processo di acquisto.

Le banche o istituti finanziari emittenti dispongo di bancomat collegati a circuiti di pagamento internazionali e nazionali: ovviamente i primi avranno costi annuali maggiori.

Attualmente sono appunto MasterCard e Visa i più diffusi a livello internazionale: richiedendo quindi una carta di debito appartenente a tali circuiti, avrai la possibilità di utilizzare la card in tutti i negozi convenzionati anche all’estero. Un esempio di circuito nazionale è PagoBancomat.

Solitamente gli esercenti, per indicare quali sono i circuiti di pagamento a cui si affidano, esibiscono apposite vetrofanie.

Come richiederla?

Nella maggior parte dei casi è possibile ottenere questo strumento contestualmente all’accensione di un conto corrente. In caso contrario è possibile richiederlo anche in un momento successivo. Così come avviene per la carta di credito, anche per il bancomat, l’emittente si riserva la possibilità rilasciare o meno la card al cliente dopo un’analisi reddituale.

Quali sono le differenze tra una Carta di Debito e di Credito?

La principale differenza tra questi due mezzi di pagamento, sta nella modalità di addebito delle cifre spese e/o prelevate: mentre con il bancomat è praticamente contestuale all’operazione svolta, con la carta di credito avviene nella mensilità successiva.

Quali sono le differenze tra Bancomat e carte prepagate?

Mentre il bancomat è collegato necessariamente ad un conto corrente, sul quale vengono addebitate le operazioni svolte, le carte prepagate utilizzano soltanto la liquidità precedentemente caricata.

Quanto costa?

Per tale strumento è previsto un canone annuo, di importo inferiore rispetto a quello applicato alle carte di credito. Alcuni istituti non adottano spese aggiuntive, includendo tale servizio nel conteggio delle spese ordinarie previste per la tenuta del conto corrente. Inoltre non sono previste commissioni sui pagamenti mediante Bancomat. Al contrario, possono essere disposte commissioni per le operazioni di prelievo contante presso sportelli automatici di banche non convenzionate.

Classifica 2013

Tra le carte bancomat più interessanti segnaliamo la Bancomat VPAY collegata al conto corrente Arancio: è una carta che consente di effettuare tutte le principali operazioni (prelievi, pagamenti POS, acquisti online) in modo totalmente gratuito.

Altra carta bancomat interessante è quella collegata al conto corrente CheBanca! : in virtù delle condizioni applicate si pone come top nel mercato italiano per la clientela retail.

Tra questa categorie di carte non si può non menzionare quella proposta da Rendimax. E’ bene però fare attenzione alle condizioni: se è vero che i pagamenti tramite POS non prevedono commissioni, è anche vero che le operazioni agli ATM non sono sempre gratuite: dalla quinta in su infatti è prevista commissione pari a 2 euro.

Altra carta bancomat interessante è quella collegata al conto corrente Fineco: così come per le altre analizzate le principali voci di spesa sono azzerate (canone annuo, prelievi, pagamenti POS). Quando si valuta questo tipologia di carta non si può prescindere dalle considerazioni in merito al conto collegato: bene quello di Fineco si pone a tutti gli effetti come uno dei più convenienti sul web sia in relazione all’operatività che ad i costi. Tale aspetto non fa che aumentare i vantaggi correlati all’utilizzo di questo bancomat.

Classifica Carte

1 Genius Card 10 more
2 Visa oro Conto Arancio 9 more
3 Conto Tascabile 9 more
4 Carta di credito CheBanca! 8 more