Opinioni e condizioni del conto Yellow di CheBanca

Un conto corrente online conviene più di uno tradizionale? L’evoluzione di alcuni prodotti offerti dalle banche prevalentemente online, come il caso di Che Banca hanno reso questa risposta via via più complessa, come nel caso del conto Yellow. Non si tratta infatti di un comune conto corrente a costo zero ed a remunerazione nulla, essendo caratterizzato dall’applicazione di interessi che possono mostrare una certa attrattività.

Dettagli Conto Yellow
Canone annuo 24,00 euro
Operazioni Illimitate e gratuite
Come si ottiene? Online

Le caratteristiche del conto Yellow di CheBanca!

Il conto corrente prevede un canone che comprende operazioni illimitate gratuite. Il costo del canone annuo è di 24 euro che vengono decurtati a fine anno, e non mensilmente. Nel canone, oltre alle spese contabili ed alle operazioni illimitate, è compresa anche una carta di debito gratuita.

Invece se si vuole una carta di credito (Mastercard) bisogna pagare un canone di ulteriori 24 euro annui. Sono gratuiti anche i bonifici, i prelievi su qualsiasi Atm e le domiciliazioni delle utenze o il pagamento delle rid.

Dal punto di vista dei costi quindi si potrebbero avere delle opinioni contrastanti, considerato che online ci sono conti correnti meno costosi. Proprio per questo, il discorso della convenienza ‘reale’ si sposta sulla scelta di rendere questo conto corrente, a seconda di tre step di giacenze, remunerato con interessi al di sopra della media dei conti correnti.

Gli interessi e la remunerazione del conto Yellow

I livelli di giacenza, come accennato, sono tre, anche se gli interessi applicati saranno solo due, dal momento che al di sotto dei 5 mila euro la remunerazione non c’è. Gli altri due livelli di giacenza sono:

  • sopra i 5 mila euro ed al di sotto dei 25 mila euro;
  • tra i 25 mila euro e i 200 mila euro (le somme eccedenti questa soglia comunque non otterranno alcuna remunerazione).

Tra i 5 mila ed i 25 mila euro il tasso di interesse è di 0,60% lordo, mentre tra i 25 mila euro ed i 200 mila euro si sale all’1,80% lordo. I tassi di interesse tuttavia sono promozionali, e resteranno così almeno fino al 15 di dicembre 2015 (mentre per il futuro non ci sono ancora le conferme sulla possibilità che siano confermati, oppure variati).