Carta Nuova Mastercard: opinioni e condizioni

Da Banca Nuova viene proposta la Carta Nuova, una ricaricabile che consente ai propri titolari di effettuare pagamenti e prelievi, al pari di una carta di debito, sfruttando il circuito Internazionale Mastercard (oppure Pagobancomat e Bancomat per le operazioni effettuate a livello ‘domestico’). Non solo, la suddetta carta è dotata di Iban, e perciò permette di fare bonifici, pagare bollettini, canone tv, ecc.

Circuito Mastercard
Emittente Banca Popolare di Vicenza
Come si ottiene? Online/Filiale

Caratteristiche principali della prepagata “Nuova”

Riassumendo i titolari di Carta Nuova possono:

  • fare prelievi;
  • eseguire pagamenti su pos;
  • effettuare pagamenti online e ricariche telefoniche;
  • ricevere accrediti permanenti oppure bonifici (che rientrano tra le modalità di ricarica della stessa e si vanno ad affiancare alle ricariche da punti Sisal, filiali, o da Atm del circuito Qui Multibanca).

Banca popolare di Vicenza

A livello ‘temporale’ esistono sostanzialmente tre modalità di ricarica, ovvero:

  • in modo permanente con accrediti appoggiati sulla stessa (ad esempio pensioni o stipendi);
  • a soglia (al raggiungimento di una soglia di saldo prefissato, si ricarica con bonifico automatico);
  • in modo libero: si ricaricano le cifre che si desiderano, senza limitazioni temporali (sempre nel rispetto del plafond e della cifra massima ricaricabile ad operazione).

Il plafond massimo ricaricabile in dotazione è di 10 mila euro. C’è anche il limite di utilizzo che è di 1000 euro ‘per volta’ ma è comunque personalizzabile. Invece quello di prelievo al giorno è di 750 euro.

Come richiederla e costi

Se ci si reca in una filiale si ottiene immediatamente la card, oppure con il servizio BPViGo (e associazione a quello di internet banking) i clienti della Banca possono richiederla via web (vedi anche Carte prepagate o di credito virtuali), con necessità di attivazione per ragioni di sicurezza. Al momento dell’emissione sono richiesti 10 euro una tantum, ma non c’è alcun canone di gestione mensile oppure annuale.

Se si sceglie l’estratto conto online non si sostengono altre spese, altrimenti 85 centesimi per quello cartaceo. I costi e le commissioni applicate si hanno:

  • per i rifornimenti di carburante sopra i 100 euro;
  • per le richieste di bonifico (a partire da 1,10 euro);
  • per il pagamento del canone Rai con 1,50 euro;
  • per i prelievoi: gratis su atm della banca, 2 euro su altre banche in zona Sepa e 2,50 euro extra Sepa;

E’ presente una commissione dell’1% per operazioni non in euro. Infine si devono considerare i costi di ricarica, che vanno da 1 euro a 3 euro a seconda del canale scelto.

Conclusioni

Questa ricaricabile non si offre come una soluzione realmente Nuova, ed anche se potrebbe sembrare interessante la mancanza di una spesa fissa di canone (vedi anche Carta prepagata più conveniente), di fatto non costituisce un vantaggio viste le numerose voci di costi da sostenere anche per un uso estremamente ordinario.