Carte di credito esclusive: ecco la top ten delle più lussuose

Dalla Visa più prestigiosa, alle Mastercard Platinum, il comune denominatore è il trattamento da veri e propri vip che solo le carte più esclusive riescono a garantire, con ingresso a club dedicati ed a una serie di vantaggi che sono quasi sempre cuciti su misura, a cui si aggiungono servizi di assistenza con consulente personale, oltre a plafond molto ampi.

Può tuttavia sorprendere il fatto che nonostante queste cards siano dotate di condizioni eccezionali, non si può parlare effettivamente delle carte più esclusive al mondo, visto e considerato che in questa categoria rientrano di diritto solo quelle che le principali banche (anche nel caso della clientela Premium, tanto per Unicredit, che Deutsche Bank, Mediolanum, ecc) propongono ai migliori clienti su invito (vedi anche CartaSì Black). Ciò non significa che sono consegnate gratuitamente, ma prevedono di norma canoni di gestione abbastanza elevati, così come sono imposti dei livelli di spesa di tutto rispetto.

Requisiti necessari?

Vista la natura particolare, e l’elevato grado di personalizzazione, per queste carte eccezionali, non si hanno indicazioni chiare sui requisiti che bisogna possedere, ma una sola certezza: bisogna essere un cliente che ha ingenti investimenti e conti correnti con movimenti di una certa importanza (vedi anche Conti correnti online), al punto da spingere la banca a “premiare” il rapporto con l’offerta di prodotti che pochi altri hanno.

In alcuni casi è necessario anche il possesso di alcune condizioni, come ad esempio una certa anzianità nella titolarità di carte di credito di alto livello: questa politica è spesso adottata da American Express, che rispetto agli altri competitors come Visa e Mastercard ancora riassume in sé la posizione di emittente e gestore del circuito per il funzionamento dei pagamenti.

Quali sono le più importanti card esclusive?

Al mondo, effettivamente, se ne contano poche, sia come tipologia che come numero realmente messo a disposizione. Le prime 10 sono considerate:

  1. Centurion Card di American Express: la black card per eccellenza, il top del top, a partire dal materiale (titanio) con cui questa esclusiva carta di credito non revolving viene consegnata alla propria clientela. Tuttavia oltre al look lussuoso ed accattivante, e alla certezza di godere di vantaggi accessibili solo a pochissimi fortunati, non ci sono altre certezze, a partire dal plafond (che secondo indiscrezioni sarebbe illimitato), e dai requisiti necessari per poter ottenere l’invito di Amex. Sempre da indiscrezioni si parla di una quota di sottoscrizione da 5000 dollari e un canone annuale di 2500 dollari, oltre a un’anzianità maturata con la versione Platinum, e il mantenimento di livelli di spesa elevati;
  2. Chase Palladium di Jp Morgan: per una carta di lusso destinata alla clientela private banking, non poteva che essere usato un materiale altrettanto esclusivo, ovvero una lega di oro e palladio. Il canone annuale è invece tra i più bassi, inferiore a 600 dollari;
  3. con la Dubai First Royale di Mastercard, all’oro si aggiunge anche un piccolo diamante incastonato sulla tesserina. Informazioni certe si hanno solo sul plafond, che è ovviamente illimitato;
  4. Visa ha messo sul gradino più esclusivo, la versione Stratus Rewards, che è di colore bianco molto lucente, e che amplia i vantaggi messi a disposizione dalle altre versioni per la clientela premium. Il costo annuo è di 1500 dollari;
  5. un gradino sotto alla Stratus troviamo la versione Infinite, che richiede un patrimonio di almeno un milione di dollari. Meno particolare nel look, ma non nella sostanza, soprattutto per la parte dei privilegi e dell’assistenza di altissimo livello;
  6. poco nota invece è la Coutts World Silk Card, ma per comprenderne la portata basti pensare che è la carte di credito che utilizza la Regina di Inghilterra;
  7. Citigroup Black Chairman Card è riservata alla clientela del private banking di City Group. Il plafond non è illimitato ma arriva fino a 300 mila dollari, e il suo costo è di circa 500 dollari all’anno;
  8. Natwest Black Mastercard, riprende il colore nero delle versioni più esclusive e migliora il rapporto tra il costo di gestione e il plafond disponibile, considerato che questo è di 1,5 milioni mentre il costo è inferiore ai 400 dollari all’anno;
  9. Merrill Accolades American Express, è la card che la Merryl Linch destina alla clientela vip. Costo di gestione inferiore ai 300 dollari e plafond da 500 mila;
  10. Black Brazilian Mastercard, occupa l’ultimo posto della top ten, con un costo di poco inferiore ai 400 dollari all’anno.