Carta My Wu MasterCard: la prepagata con iban di Lottomatica

La carta My WU di Western Union è una carta prepagata che è nata dalla collaborazione tra Mastercard (che costituisce il circuito per il suo funzionamento), Lottomatica (attraverso le cui agenzie e ricevitorie avviene il rilascio della card) e Western Union (che ne consente la ricarica anche tramite trasferimenti di denaro attraverso la sua rete).

Circuito MasterCard
Emittente Lottomatica
Come si ottiene? Filiale/Online

La particolarità di questa carta ricaricabile non risiede tanto nel fatto che si tratta di una carta conto, quanto piuttosto al target preferenziale al quale è stata rivolta, ovvero ai lavoratori stranieri in Italia.

Caratteristiche della carta conto My Wu di Lottomatica

Trattandosi di una carta ricaricabile dotata di Iban potrebbe essere usata come un conto corrente di base (tra l’altro abbastanza completo), con costi concorrenziali. E’ possibile infatti accreditare lo stipendio e addebitare i pagamenti ricorrenti come le rid, fare la domiciliazione delle utenze ed effettuare il pagamento di tributi.

E’ possibile utilizzare la carta come carte di credito per i pagamenti online, oppure usarla come semplice bancomat per prelevare o fare i pagamenti a debito. La carta può essere ricaricata tramite bonifici in entrata, tramite le ricevitorie Lottomatica o da Atm.

La card può essere richiesta solo se non si è titolari di un’altra card lottomatica, e la richiesta può essere fatta compilando l’apposito modulo presso le già citate ricevitorie Lottomatica oppure anche online sul sito.

Costi della My Wu card di Lottomatica

Il rilascio della card ha un costo di 10 euro, mentre le ricariche variano da 1,5 euro da ricevitoria a 2,5 euro tramite Atm. La card ha un plafond di 50 mila euro annui, con un massimo di ricarica pari a 2.500 euro che scendono a 990 nel caso di ricariche tramite contanti, con un plafond massimo di 20 mila euro da ricarica annui, e 10 mila mensili.

Conclusioni

Si tratta di una carta ricaricabile prepagata, che presenta dei costi medio-bassi, ed essendo dotata di iban, come detto, può essere utilizzata come un conto corrente di base, nella maggior parte dei casi non esclusivo, soprattutto in funzione dei massimali di ricarica imposti relativamente bassi.

Va quindi bene per coloro che hanno bisogna di uno strumento facile da ottenere e gestire per accreditare i pagamenti in entrata, con costi trasparenti, e soprattutto una grande facilità di ricarica in funzione delle proprie necessità, anche vivendo in centri medio-piccoli.