Come funzionano le carte con tecnologia Chip&Pin?

Fino al 2008 le carte di pagamento circolanti in Europa utilizzavano ancora la banda magnetica sulla quale venivano memorizzati i dati sensibili necessari per effettuare le transazioni. Tale strumento aveva però un limite importante: si dimostrò facilmente leggibile da terzi malintenzionati con la conseguenza che le carte di pagamento frequentemente erano soggette a clonazione e frodi. Per questo nel 2008 è stata introdotta anche in Europa la più avanzata tecnologia “Chip & Pin” che combina lo standard EMV (ovvero le carte con microchip) con l’utilizzo del Pin (Personal Identification Number), al posto della firma, per autorizzare le transazioni.

tecnologia chip pin

In questo modo si è raggiunto il duplice obiettivo di aumentare la sicurezza delle carte di pagamento sia nel caso di furto o smarrimento che nel caso di duplicazione.

Esempi di carte di credito con tecnologia Chip&Pin

Condizioni economiche e commissioni Carta di credito Nexi Classic Visa Classic Banca Sella
Vai al Sito Vai al Sito
Emittente Credit Agricole Banca Sella
Canone 40,99€/anno 41€/anno
Copertura assicurativa - Inclusa - Condizioni di assicurazione
Impresa Assicuratrice - CHUBB European Group Limited

Data rilevazione: 11/11/2020 - Fonte: Credit Agricole, Banca Sella

Come funziona?

I dati sensibili relativi al conto sono contenuti nel microchip e, a differenza di quanto accadeva con la banda magnetica, risultano leggibili solo nel momento in cui la carta prepagata, di debito o di credito in questione viene inserita nel pos dell’esercente e viene digitato il PIN corretto. Quindi se la carta finisce in mani sbagliate, decodificare i dati senza conoscere il pin diventa estremamente più difficile.

Secondo uno studio del 2015 l’introduzione della tecnologia chip&pin già 5 anni fa aveva comportato una riduzione delle frodi ai pos del -30% e presso gli ATM del -12%.

Negli ultimi tempi la tecnologia chip&pin è stata integrata da quella contactless per effettuare pagamenti di importo non superiore ai 25€ senza dover inserire la carta nel pos ma solo avvicinandola al terminale e senza dover inserire il PIN. Il tutto usufruendo della NFC (Near Field Communication).

Attualmente la maggior parte delle carte di pagamento europee è dotata di entrambe le tecnologie. Solo per nominarne alcune ci sono quelle della Fineco, di Bper o di Crédit Agricole.

Vai alla sezione carte prepagate