Carta SisalPay: opinioni, costi e funzionamento

Il servizio di ricarica di SisalPay consente di ricaricare numerose carte prepagate, a partire da quella omonima, la carta Sisalpay, che di fatto viene emessa dalla società Wirecard Card Solutions Limited. Entrando subito nel particolare, si tratta di una prepagata con Iban, nominativa e ricaricabile, che permette, tra le altre cose, di effettuare e ricevere bonifici (approfondimento: Come fare un bonifico con carta prepagata). Il circuito di appartenenza è Mastercard, quindi può essere usata sia in Italia che all’estero, sia per prelevare contanti che per fare acquisti nei negozi fisici e online.

esempio grafica carta prepagata sisalpay

Come può essere utilizzata?

Le carte con Iban presentano spesso caratteristiche molto differenti tra loro. Alcune permettono solo di ricevere accrediti in entrata mentre per altre è possibile anche fare pagamenti in uscita. Questi possono riferirsi solo ai bonifici od ancora permettere il pagamento di imposte e tasse, bollettini, ecc.

A che categoria appartiene la carta Sisalpay? Ecco nel dettaglio cosa può fare:

  • acquisti presso esercenti o e-commerce che accettano carte Mastercard;
  • ricevere bonifici, pagamenti ricorrenti in entrata o accredito di emolumenti (stipendi o pensioni);
  • disporre bonifici in uscita in zona Sepa;
  • prelevare contanti da Atm;
  • effettuare le ricariche del saldo;
  • controllare saldo e lista movimenti, cambiare i dati personali o recapiti, richiedere una nuova carta o bloccare quella che si ha, il tutto dall’area personale dell’home banking;
  • effettuare i pagamenti disponibili tramite sisalpay.it con tariffe scontate.

Si tratta dunque di una carta prepagata evoluta in molti servizi, ma che non offre quella completezza di servizi prevista da una vera e propria carta conto. Si può richiedere una sola carta per nominativo e non è possibile cointestarla.

Costi ricariche ed altre condizioni economiche

E’ possibile ricaricare la carta presso un punto vendita Sisalpay, oppure con un bonifico in entrata che può essere disposto anche da terzi. Quest’ultima alternativa è sempre gratuita mentre se si passa tramite Sisalpay non si paga alcuna commissione solo nel caso della prima ricarica. Dalla seconda in poi si devono infatti considerare come costi di ‘gestione’ 1,5 euro per ogni operazione.

La prima ricarica va sempre effettuata tramite punto Sisalpay per poter contestualmente attivare la card. L’importo dovrà essere compreso tra 10 e 250 euro. Riportiamo altri possibili costi:

  • commissione per prelievo di contante: 1€ in Italia da Atm di qualsiasi banca, 2€ in zona Sepa da Atm, 5€ più tasso conversione valuta di 1,10% in zona extra Sepa
  • bonifici: in entrata gratis, in uscita: 1€;
  • blocco carta: gratis
  • costo di gestione annua: 5€
  • costo di emissione: n.p.

(Fonte: sito ufficiale Sisalpay – Data: 9 dicembre 2019)

Plafond, limiti e massimali

La carta è dotata di un plafond massimo di 20 mila euro. Per le ricariche, se si sceglie come canale Sisalpay, al di là dei limiti previsti per la prima, vanno rispettati i seguenti importi:

  • importo minimo e massimo per singola operazione: tra i 5 euro e i 999 euro;
  • importo massimo ricaricabile al giorno 3 mila euro;
  • importo massimo ricaricabile alla settimana 15 mila euro;
  • importo massimo ricaricabile al mese 20 mila euro;
  • importo massimo ricaricabile in un anno 50 mila euro (valido come cumulo di ricariche nell’arco di un anno completo, comprensivo anche dei bonifici e accrediti ricevuti).

Per quanto riguarda i bonifici l’importo massimo accreditabile è di 3500 euro per singola operazione. Come ricarica massima giornaliera, indipendentemente dal canale utilizzato, non si possono però superare i 5 mila euro.

(Fonte: sito ufficiale Sisalpay – Data: 9 dicembre 2019)

Riportiamo invece i limiti e massimali che vengono applicati alle operazioni di prelievo:

  • max per singola operazione di prelievo: 300€
  • max per totale prelevato al giorno: 600€
  • max prelevabile in un mese: 2.500€
  • max prelevabile in un anno: 30.000€

Per quanto riguarda infine gli importi di spesa che si possono sostenere, come massimali troviamo:

  • importo max di spesa su Pos al giorno: 3.500€
  • importo max di spesa on line al giorno: 3.500€
  • importi massimi di spesa all’anno (sia per Pos che per e.commerce): 50.000€
  • max di bonifico in uscita: 15.000€ al giorno, 50.000€ all’anno

(Fonte: sito ufficiale Sisalpay – Data: 9 dicembre 2019)

Come si ottiene la carta

ricerca punto vendita sisalpay

Per richiedere la carta Sisalpay bisogna recarsi presso un esercizio convenzionato portando:

  • documento d’identità con scadenza oltre i 3 mesi;
  • tessera sanitaria o codice fiscale;
  • smartphone al cui numero verrà associata la carta (non è sufficiente il numero di telefono ma bisogna portare il device mobile con sé perché si riceverà in tempo reale un sms con il codice OTP necessario per la conferma di identità del richiedente).

Oltre a ciò, come requisiti è necessario essere:

  • maggiorenne;
  • domiciliato o residente in Italia.

Tramite la prima ricarica la carta verrà attivata, mentre per poter effettuare altre operazioni si dovrà attendere il messaggio informativo di Sisal (la procedura può richiedere fino a 3 giorni).

Gestione della carta e conto con Iban

Tramite le credenziali (password e codice OTP inviati con sms) e previa registrazione on line sul sito, si può monitorare la card, disporre bonifici od ancora:

  • bloccare la carta in caso di furto o smarrimento;
  • richiedere una nuova carta seguendo come percorso: La mia Carta> Opzioni> Sostituisci Carta (in alternativa è possibile contattare il servizio clienti). Con la richiesta avviene il blocco definitivo della precedente.

Per il blocco parziale (che riguarda i pagamenti e i prelievi ma non la ricezione di ricariche e bonifici) si deve seguire il percorso La mia carta > Opzioni > Blocca carta. Il percorso è simile anche se si decide di impostare il blocco tramite l’app Sisalpay.

Per il blocco totale si deve invece contattare il servizio clienti all’ 800.996.031 se si chiama dall’Italia o al + 39 02 39997803 se si chiama dall’estero (al di fuori della fascia oraria 9.00-20.00 nei giorni feriali, risponde una segreteria automatica).

Tali numerazioni devono essere utilizzate anche se si ha la necessità di modificare il numero di cellulare fornito al momento della richiesta.