Come ottenere carte di credito senza conto corrente, anche online!

L’appoggio della carta di credito su un conto corrente offre maggiori garanzie alle banche e non a caso spesso l’emissione della carta viene subordinata ad una giacenza medio alta oppure all’accredito dello stipendio (vedi anche Carta Viabuy). Quindi non si hanno grandi possibilità di ottenere carte con funzioni di pagamento abbastanza ampie, a meno che non ci si riferisca a due categorie di prodotti: le carte di credito revolving e le carte ricaricabili.

Carte di credito revolving

La maggior parte delle finanziarie offre la possibilità di richiedere una carta revolving non appoggiata su alcun conto corrente. Per effettuare il pagamento delle rate di rimborso, alcune di queste finanziarie inviano i bollettini postali premarcati, oppure offrono la possibilità di stamparli on-line mano a mano che arrivano le scadenze.

Il grande limite di queste carte sta nel fatto che permettono di usufruire solo della funzione “revolving”. Un’eccezione da questo punto di vista può essere la carta Viva Flex di Compass, che permette di pagare gli acquisti fatti il 15 del mese successivo anche tramite bollettini postali.

Le carte ricaricabili e carte conto

Condizioni economiche e commissioni
 
Richiedi online Richiedi online Richiedi Online
Canone mensile 0,00€ 0,00€ 0,00€*
Prelievi ATM in Euro da 0,00€ da 0,00€ 5,00€
Circuito di pagamento Mastercard Mastercard Mastercard
Plafond 50.000€ 5.000€ 50.000€

* Per Viabuy è previsto un deposito minimo di 89,70 euro.


Nella categoria delle carte di credito vengono fatte rientrare anche le carte ricaricabili, comprese le carte conto che consentono una gamma di servizi particolarmente ampia in quanto sopperiscono anche alla mancanza di un conto corrente tradizionale. Entrambe possono essere richieste senza dover necessariamente possedere un conto corrente.

Va però specificato che non hanno la funzione di pagamento posticipato in senso stretto, in quanto vanno ricaricate e poi via via vengono scalati gli importi spesi o prelevati fino al loro esaurimento (in più le carte conto permettono di fare bonifici, pagamenti di utenze, oppure di tasse, ecc). La scelta è estremamente ampia e ci sono carte che possono essere richieste anche da minorenni (l’età minima varia in funzione delle società emittenti, a partire da 11 anni compiuti).

Esempi delle carte di ricaricabili

  • Una carta ricaricabile che non richiede un conto corrente e che è possibile richiedere anche presso i centri Lottomatica è la carta Paypal. Permette di ricaricare per importi fino a 10 mila euro, fa parte del circuito Mastercard e il costo delle ricariche è di 90 centesimi a meno che non venga collegata a un conto Paypal;
  • Sul circuito Visa c’è la Carta Eura emessa direttamente da CartaSì, ricaricabile anche presso i punti SisalPay, che ha un costo di emissione di 5 euro e una durata fino a 5 anni (personalizzabile se richiesta presso gli istituti che aderiscono all’offerta);
  • Tra le carte conto si pone in evidenza Genius di Unicredit, che è gratuita per coloro che sono under 26 anni.
  • Certamente interessanti sono le condizioni proposte da CheBanca per Conto Tascabile, una carta conto che offre tutte le principali funzionalità di un conto corrente.

Senza busta paga è possibile?

Non ci sono leggi che impongono come condizione fondamentale per il rilascio di una carta di credito la presentazione della busta paga, o addirittura di un reddito. Ovviamente trattandosi della maggiore forma di garanzia sulla quale possono fare affidamento le società emittenti, di fatto sono pochi i casi in cui si può ottenere una card che offre una linea di credito senza che sia presentata o presentabile una documentazione reddituale che dimostri capacità di rimborso.

Qui però bisogna distinguere le due situazioni, ovvero quella di “obbligo” di presentazione della certificazione (generalmente collegata a carte con elevati plafond o nel caso in cui si richieda un upgrade degli importi disponibili), e quella dell’eventuale possibile richiesta: se si ha una situazione in positivo si tratta di una possibilità veramente remota. In entrambi i casi però non è detto che si debba trattare per forza della classica busta paga.

Credit card e protestati: due realtà conciliabili?

La lista dei metodi di pagamento che possono utilizzare i protestati si restringe in modo molto netto, e sicuramente la classica carta di credito diventa uno strumento inaccessibile. Ma ci sono delle validissime alternative, che di norma sono rappresentate da dalle ricaricabili prepagate.

Qui però si devono accettare dei compromessi, che non ne permettono l’uso in alcune situazioni particolari (in generale per le operazioni di noleggio ad esempio), a meno che non si utilizzino delle prepagate che nel look sono molto simili alle credit card, per cui ampiamente accettate anche laddove le ricaricabili rimangono escluse. Un esempio si ha con la Viabuy.

Senza reddito dimostrabile e senza valutazioni di merito: la Viabuy

Dettagli carta
Nome carta Viabuy Mastercard
Canone annuo 0,00 euro
Come si ottiene? Online gratuitamente
Condizioni Economiche* Viabuy
Canone annuo 0,00 euro
Deposito minimo iniziale 89,70 euro
Plafond 50.000,00 euro
Ricariche 0,00 euro
Noleggio auto Si, senza alcuna cauzione
Internet banking 0,00 euro
Circuito di pagamento MasterCard

*I dati riportati in tabella sono aggiornati al 28 Gennaio 2016.

Sicuramente la Viabuy costituisce un’alternativa molto particolare nel suo genere, in quanto viene rilasciata senza dover fare altro che fare la richiesta (si richiede comodamente online), per vedersela recapitare in brevissimo tempo all’indirizzo indicato.

Può essere scelta tra la versione Black e quella Oro, e ha due particolarità: la prima è che sembra una normale carta di credito, funzionante sul circuito Mastercard con il numero di identificazione in rilievo, ma non offrendo una linea di credito, viene rilasciata senza valutazione di tipo creditizio (quindi anche a protestati e cattivi pagatori) né di tipo reddituale (non viene richiesta alcuna documentazione).

E’ accettata ovunque in Italia e all’estero, e per i primi tre anni non è applicato alcun canone, indipendentemente dalla spesa mensile o annuale effettuata con essa (poi si passa a 29,90 euro). C’è anche la possibilità di richiedere una card aggiuntiva, con un costo del canone dimezzato.

I costi associati sono comunque pochi, visto che effettuando ricariche in contanti oppure con un bonifico in entrata non si devono sostenere eventuali commissioni, così come in caso di trasferimento da altra Viabuy. Commissioni variabili sono quelle associate alle spese in valuta diversa dall’euro, mentre in caso di prelievo di atm si pagano i 5 euro per la sola operazione.

Consigliamo di contattare in via preventiva la compagnia per assicurarsi se la propria carta è accettata o meno, il veicolo sarà noleggiato con carte di debito/prepagate alla sola discrezione dell’agente di noleggio, che può riservarsi il diritto di non consegnare l’auto qualora non ritenga sufficiente la qualificazione del cliente.

L’emissione della carta di credito è soggetta alla valutazione da parte della Banca del merito di credito del Cliente.