Carta di credito revolving MPS: opinioni in merito a costo, taeg e richiesta online di M’honey Card Classic

Banca Monte dei Paschi di Siena prevede nella offerta delle carte di credito la mps M’honey Card Classic, che assolve alle funzioni di carta revolving con una linea di credito piuttosto elevata, pari a 5 mila euro.

Dettagli
Circuito MasterCard
Emittente Monte dei Paschi di Siena
Come si ottiene? Filiale

Ovviamente si tratta del plafond complessivo, per cui per quanto riguarda la parte per la quale si richiede la dilazione, mano a mano che la linea viene utilizzata, l’importo rateizzato va sottratto dal totale, per poi essere gradualmente ripristinato mensilmente con il rimborso rateale. Ovviamente è possibile usare la carta anche per i pagamenti a saldo (quindi semplicemente posticipati al mese successivo).

Caratteristiche della carta revolving mps – M’honey Card Classic

La parte relativa ai tassi di interesse applicati alle dilazioni di pagamento non la posizionano tra le carte più convenienti, dato che sono un po al di sopra della media delle carte concorrenti, non tanto per il tasso annuale (TAN) quanto per i costi accessori collegati.

Invece è interessante la durata massima della rateizzazione, che può arrivare fino a 72 mensilità. Non sono previsti costi di emissione, ma solo il canone annuo della carta principale pari a 15 euro (non ci sono costi per la carta aggiuntiva).

Altri prodotti e servizi MPS

E’ rimborsabile tramite rid, ed eventualmente con bollettini postali, ma sono previsti costi di incasso in entrambi i casi (0,19 per le rid sul conto Mps che salgono a 0,35 per i conti extra Mps, e 0,82 per i bollettini postali). E’ possibile sfruttare la carta anche per l’anticipo contante, con una commissione minima pari a 4 euro.

Aspetti positivi e negativi della carta revolving mps – M’honey Card Classic

Sicuramente è una carta interessante per chi ha bisogno di un plafond superiore alla media (che oscilla tra i 1500 e i 2500 euro), e la possibilità di poter scegliere delle dilazioni molto lunghe così da dover sostenere rate abbastanza comode da rimborsare anche se numerose.

C’è comunque da rilevare che queste comodità si fanno pagare a un prezzo un po troppo caro (meglio sfruttare eventualmente un prestito personale con le stesse possibilità di utilizzo), mentre quello che proprio non va è dovuto all’appesantimento del costo complessivo legato ai costi accessori. In più, da una carta che propone un plafond così ampio, ci si attendeva uno sforzo in più soprattutto dal punto di vista di copertura assicurativa, che invece è completamente assente.