Assicurazione moto: consigli utili per pagare meno

In Italia il numero di due ruote a motore, tra moto (soprattutto 125) e ciclomotori di varie cilindrate è tra i più alti in Europa con dei veri e propri storici gioielli (come l’amatissima Vespa) che sono ancora perfettamente funzionali e circolanti aumentando il numero di modelli d’epoca.

Il budget che deve essere destinato all’assicurazione moto, può raggiungere delle cifre molto importanti, senza tralasciare il fatto che nella larga maggioranza dei centauri, di norma si ha anche una quattro ruote da mantenere.

Tutto questo rende la scelta dell’assicurazione moto più conveniente ancora più complessa e soprattutto oggetto di una maggiore attenzione nella fase di valutazione, tra assicurazioni temporanee, più o meno economiche, oppure polizze ad hoc per moto d’epoca e la possibilità di risparmiare con gli sconti “famiglia”.

Conviene la polizza temporanea?

Spesso ci si trova davanti all’obbligo di dover acquistare un’assicurazione per moto o ciclomotore che viene usata solo in determinati periodi dell’anno. Anche se potrebbe sembrare conveniente sottoscrivere una polizza che vada a coprire unicamente tali periodi, in realtà non si risparmia, perché il costo è proporzionalmente più elevato di una assicurazione annuale (vedi anche Offerte assicurazioni Credem).

Per ovviare a questo problema si può scegliere un’ assicurazione moto economica annuale, che permette di sospendere la copertura (normalmente basta una semplice telefonata), per poi riattivarla al momento della necessità. Tra le prime compagnie ad offrire questa possibilità c’è stata Direct Line, ma ora ci sono altre compagnie che offrono questa possibilità.

Tra le polizze più economiche, che in più beneficiano di questo tipo di agevolazione, troviamo la Genertel con la funzione Stop&Go, che è inclusa nella polizza senza alcun sovrapprezzo, e che può essere attivata e disattivata con la funzione online (nella propria area personale) oppure dall’App mobile Genertel.

Moto d’epoca: come risparmiare?

Così come avviene per le auto d’epoca, se il proprio veicolo è iscritto nell’apposito registro, si ha un grande risparmio per la polizza rc obbligatoria. Le alternative sono due:

  • rivolgersi alle compagnie più grandi, che hanno assicurazioni per “veicoli” d’epoca;
  • scegliere compagnie meno note, che stringono convenzioni con le varie federazioni (come la Fmi).

Un buon prezzo del premio è inferiore ai 200 euro, indipendentemente dalla cilindrata, e con maggiori sconti nel caso di moto con più di 25 anni.

Economica ma senza troppi sacrifici

Quando si sceglie una polizza si tende a fare la scelta più economica rinunciando a forme di garanzia che specialmente per le due ruote non andrebbero trascurate, come la Kasko per l’abbigliamento e la ‘infortuni del conducente e assistenza stradale’. Questa rappresenta una soluzione evidentemente poco lungimirante e potenzialmente più onerosa del risparmio ottenuto a monte.

Un’altra voce che bisognerebbe includere è quella dell’assistenza stradale: se è difficile rientrare nel caso di un guasto alla propria auto, nel caso di una due ruote la situazione rischia di trasformarsi in una vera odissea. Il costo in più si aggira in media a qualche decina di euro.

Tra le migliori opzioni di assistenza stradale (sia come qualità e tempestività dell’intervento, che per il rapporto del costo applicato) si possono segnalare Genertel, Zurich e Genialloyd. Queste compagnie tra l’altro sono anche molto apprezzate dai propri assicurati, nonostante rientrino nei vantaggi tipici delle polizze moto online: attenzione al cliente; rapidità nel rimborso dei sinistri; assistenza di qualità; possibilità di poter negoziare sul prezzo della polizza soprattutto in caso di rinnovo o per la prima stipula.

Sconti famiglia: fino al 25%

Se si hanno almeno due mezzi (spesso è sufficiente che siano intestati a membri di uno stesso nucleo familiare) si può accedere a sconti dedicati. C’è però da fare attenzione all’iter, poiché spesso non sono proposti direttamente, ma vanno richiesti. Quindi quando si effettua un preventivo, è sempre consigliato far presente anche questo aspetto.

Per aumentare gli sconti si può anche approfittare di un accordo con società o associazioni che prevedono degli accordi particolari. Anche in questo caso vediamo una grande attenzione all’aspetto del risparmio, soprattutto da parte di Genertel e Ganialoyd: entrambe ad esempio hanno un accordo con Altroconsumo, quindi i suoi tesserati riescono a ottenere degli sconti dedicati.

Per aumentare il risparmio si può anche vedere se ci sono accordi con la propria azienda o categoria.

I dati necessari per fare un preventivo

Lo strumento più prezioso che possiamo usare è quello del preventivo, soprattutto quando lo possiamo fare online, senza dover nemmeno subire il disagio o il fastidio di uno spostamento fisico. I preventivi non obbligano ad acquistare la polizza, ma offrono un importante strumento di valutazione sulla convenienza, ed anche un campo in base al quale confrontarsi con gli altri utenti.

L’unico accorgimento che bisogna avere è quello sulle caratteristiche che si devono mettere in ordine, per poter fare una valutazione condivisa e di facile confronto:

  • Città di residenza e Provincia
  • Età dell’assicurato
  • CU
  • Modello di moto (specificare se è d’epoca e se è una moto o un ciclomotore)
  • Cilindrata
  • Garanzia che si intende valutare/considerare
  • Da quanti anni si ha la patente
  • Numero di punti sulla patente
  • Sinistri con responsabilità o senza, fatti negli ultimi 5 anni
  • Beneficiario o no della “Legge Bersani”

Attenzione! I preventivi hanno una durata limitata nel tempo. Normalmente il premio calcolato vale per i successivi 60 giorni dal suo salvataggio. Qui però bisogna anche tener presente che questo blocco del prezzo vale per i calcoli che dipendono dalla compagnia di assicurazione (ciascuna usa dei parametri propri, che tendono più o meno costosi i premi di polizza), e non quelli legati a Iva, imposte e contributo SSN.

Queste variazioni, qualora si dovessero verificare anche all’interno dei 60 giorni di congelamento del premio assicurativo, verrebbero ugualmente applicati. Ciò implica che se si hanno notizie di un probabile aumento dell’Iva (che viene annunciata con largo anticipo e non sempre ci si ricorda la data di partenza dell’aumento stesso), o delle altre voci legate a tasse e contributi, allora è consigliato mettersi al sicuro acquistando prima di queste scadenze l’assicurazione. Ovviamente si farà partire la copertura proprio nel giorno in cui se ne avrà la necessità.

C’è anche da considerare che in alcuni periodi dell’anno i premi dell’assicurazione moto o auto subisce delle variazioni cicliche. Generalmente tendono a diminuire tra il 4 mese dell’anno fino a metà estate, mentre i periodi più costosi sono quelli di fine anno, quando le compagnie tirano le fila (ed i conti) guardando anche come è stata la situazione del risarcimento dei sinistri.

Infine bisogna sempre ricordarsi di “salvare” il preventivo, usando l’apposita funzione. Se viene calcolato un preventivo, che non è salvato, quasi sicuramente il calcolo successivo prevederà dei costi differenti. Il che potrebbe essere uno svantaggio, con un premio più elevato. Per evitare questo problema si possono fare più preventivi (anche nell’arco di giorni ravvicinati) sulla polizza moto, che vengono tutti salvati, e quindi quando arriva il momento di fare la propria scelta, si avrà la possibilità di fare la scelta più economica senza alcuna pressione.

Altri articoli: Noleggio auto senza carta di credito